Ambroxolo Hexal - Nebul Fl 100ml (ambroxolo cloridrato)

PZN IT032851026
Производитель Sandoz Spa
Форма Раствор для распыления
Ёмкость 0
Рецепт нет
Цена 7.50 €

Аннотация


Посмотреть перевод в Google, Yandex, Bing

Denominazione

AMBROXOLO HEXAL

Formulazioni

Ambroxolo Hexal - Nebul Fl 100ml
Ambroxolo Hexal - Scir Fl 250ml

Categoria farmacoterapeutica

Espettoranti, escluse le associazioni con antitosse.

Principi attivi

Ambroxolo cloridrato.

Eccipienti

Soluzione da nebulizzare: metile paraidrossibenzoato; propile paraidrossibenzoato; sodio metabisolfito; acido citricomonoidrato; sodio idrossido; acqua depurata. Sciroppo: acido benzoico; sodio metabisolfito; acido citrico monoidrato; sodio idrossido; povidone; sorbitolo, soluzione 70%; glicerolo 85%; sodio ciclamato; aroma di lampone; acqua depurata.

Indicazioni

Trattamento delle turbe della secrezione nelle affezioni broncopolmonari acute e croniche.

Controindicazioni / effetti secondari

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti; gravi alterazioni epatiche e/o renali.

Posologia

Soluzione da nebulizzare. Adulti e bambini di eta' superiore a 5 anni: 2-3 ml di soluzione 1-2 volte al giorno. Bambini di eta' inferiore a 5 anni: 2 ml di soluzione 1-2 volte al giorno. Poiche' nella respirazione profonda di aerosol puo' subentrare tosse, si deve cercare di respirare normalmente durante l'inalazione. Si consiglia di riscaldare la soluzione fino alla temperatura corporea prima dell'inalazione. In pazienti affetti da asma bronchiale si raccomanda di somministrare il consueto broncospasmolitico prima dell'inalazione.

Sciroppo. Adulti: 10 ml (30 mg) 3 volte al giorno. Bambini fino a 2 anni: 2,5 ml (7,5 mg) 2 volte al giorno. Bambini da 2 a 5 anni: 2,5 ml (7,5 mg) 3 volte algiorno. Bambini oltre i 5 anni: 5 ml (15 mg) 3 volte al giorno. Si co nsiglia di assumere lo sciroppo dopo i pasti. Non usare ambroxolo per trattamenti protratti.

Conservazione

Soluzione da nebulizzare: conservare a temperatura non superiore ai 25gradi C. Sciroppo: nessuna speciale precauzione per la conservazione.

Avvertenze

La soluzione da nebulizzare e lo sciroppo contengono sodio metabisolfito; nei soggetti sensibili, specialmente quelli con una storia di asmao allergia, puo' causare reazioni di tipo allergico compresi i sintom i dell'anafilassi ed il broncospasmo. Il medicinale in sciroppo contiene inoltre sorbitolo: inadatto nell'intolleranza ereditaria al fruttosio. Puo' causare disturbi gastrici e diarrea. Glicerolo: pericoloso adalte dosi. Puo' causare emicrania, disturbi gastrici e diarrea. Acido benzoico: blando irritante per cute, occhi e membrane mucose. Puo' au mentare il rischio di ittero nei neonati. La soluzione da nebulizzare contiene inoltre metile paraidrossibenzoato e propile paraidrossibenzoato: possono causare reazioni allergiche (anche ritardate) e, eccezionalmente, broncospasmo. L'ambroxolo deve essere somministrato con cautela nei pazienti affetti da ulcera peptica.

Interazioni

Il medicinale in genere non interferisce con altri farmaci.

Effetti indesiderati

I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati in seguito all'assunzione del prodotto. Sintomi generali. Non comuni (>= 0,1% - <1%): reazioni di ipersensibilita' (esantema, dispnea, prurito), angioedema (gonfiore ad insorgenza rapida che puo' colpire in particolare il voltoe la gola), febbre. Molto rari (< 0,01%): reazioni anafilattiche, inc luso shock anafilattico. Tratto Gastrointestinale. Comuni ( >=1% - <10%): diarrea; non comuni (>=0,1% - <1%): nausea, dolore addominale, vomito. Cute. Molto rari (< 0,01%). gravi reazioni cutanee, come necrolisi epidermica e sindrome di Steven Johnson; raramente: stanchezza, secchezza delle fauci, rinorrea, disuria, cefalea, disturbi gastrointestinali (pirosi, dispepsia, stipsi, nausea e vomito), dermatite da contatto o altre reazione allergiche (soprattutto eruzioni cutanee).

Gravidanza e allattamento

Per l'ambroxolo non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte. Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti oindiretti su gravidanza, sviluppo embrionale/fetale, parto o sviluppo post-natale. Nonostante gli studi preclinici e la vasta esperienza cl inica non abbiano evidenziato alcun effetto dannoso dopo la 28a settimana di gestazione, si consiglia di adottare le normali precauzioni sull'assunzione di farmaci in gravidanza. Specialmente durante il primo trimestre non e' consigliata l'assunzione di ambroxolo. Il farmaco viene escreto nel latte materno, pertanto l'impiego di ambroxolo non e' consigliato durante l'allattamento.

Denominazione

AMBROXOLO HEXAL

Formulazioni

Ambroxolo Hexal - Nebul Fl 100ml
Ambroxolo Hexal - Scir Fl 250ml

Categoria farmacoterapeutica

Espettoranti, escluse le associazioni con antitosse.

Principi attivi

Ambroxolo cloridrato.

Eccipienti

Soluzione da nebulizzare: metile paraidrossibenzoato; propile paraidrossibenzoato; sodio metabisolfito; acido citricomonoidrato; sodio idrossido; acqua depurata. Sciroppo: acido benzoico; sodio metabisolfito; acido citrico monoidrato; sodio idrossido; povidone; sorbitolo, soluzione 70%; glicerolo 85%; sodio ciclamato; aroma di lampone; acqua depurata.

Indicazioni

Trattamento delle turbe della secrezione nelle affezioni broncopolmonari acute e croniche.

Controindicazioni / effetti secondari

Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti; gravi alterazioni epatiche e/o renali.

Posologia

Soluzione da nebulizzare. Adulti e bambini di eta' superiore a 5 anni: 2-3 ml di soluzione 1-2 volte al giorno. Bambini di eta' inferiore a 5 anni: 2 ml di soluzione 1-2 volte al giorno. Poiche' nella respirazione profonda di aerosol puo' subentrare tosse, si deve cercare di respirare normalmente durante l'inalazione. Si consiglia di riscaldare la soluzione fino alla temperatura corporea prima dell'inalazione. In pazienti affetti da asma bronchiale si raccomanda di somministrare il consueto broncospasmolitico prima dell'inalazione.

Sciroppo. Adulti: 10 ml (30 mg) 3 volte al giorno. Bambini fino a 2 anni: 2,5 ml (7,5 mg) 2 volte al giorno. Bambini da 2 a 5 anni: 2,5 ml (7,5 mg) 3 volte algiorno. Bambini oltre i 5 anni: 5 ml (15 mg) 3 volte al giorno. Si co nsiglia di assumere lo sciroppo dopo i pasti. Non usare ambroxolo per trattamenti protratti.

Conservazione

Soluzione da nebulizzare: conservare a temperatura non superiore ai 25gradi C. Sciroppo: nessuna speciale precauzione per la conservazione.

Avvertenze

La soluzione da nebulizzare e lo sciroppo contengono sodio metabisolfito; nei soggetti sensibili, specialmente quelli con una storia di asmao allergia, puo' causare reazioni di tipo allergico compresi i sintom i dell'anafilassi ed il broncospasmo. Il medicinale in sciroppo contiene inoltre sorbitolo: inadatto nell'intolleranza ereditaria al fruttosio. Puo' causare disturbi gastrici e diarrea. Glicerolo: pericoloso adalte dosi. Puo' causare emicrania, disturbi gastrici e diarrea. Acido benzoico: blando irritante per cute, occhi e membrane mucose. Puo' au mentare il rischio di ittero nei neonati. La soluzione da nebulizzare contiene inoltre metile paraidrossibenzoato e propile paraidrossibenzoato: possono causare reazioni allergiche (anche ritardate) e, eccezionalmente, broncospasmo. L'ambroxolo deve essere somministrato con cautela nei pazienti affetti da ulcera peptica.

Interazioni

Il medicinale in genere non interferisce con altri farmaci.

Effetti indesiderati

I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati in seguito all'assunzione del prodotto. Sintomi generali. Non comuni (>= 0,1% - <1%): reazioni di ipersensibilita' (esantema, dispnea, prurito), angioedema (gonfiore ad insorgenza rapida che puo' colpire in particolare il voltoe la gola), febbre. Molto rari (< 0,01%): reazioni anafilattiche, inc luso shock anafilattico. Tratto Gastrointestinale. Comuni ( >=1% - <10%): diarrea; non comuni (>=0,1% - <1%): nausea, dolore addominale, vomito. Cute. Molto rari (< 0,01%). gravi reazioni cutanee, come necrolisi epidermica e sindrome di Steven Johnson; raramente: stanchezza, secchezza delle fauci, rinorrea, disuria, cefalea, disturbi gastrointestinali (pirosi, dispepsia, stipsi, nausea e vomito), dermatite da contatto o altre reazione allergiche (soprattutto eruzioni cutanee).

Gravidanza e allattamento

Per l'ambroxolo non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte. Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti oindiretti su gravidanza, sviluppo embrionale/fetale, parto o sviluppo post-natale. Nonostante gli studi preclinici e la vasta esperienza cl inica non abbiano evidenziato alcun effetto dannoso dopo la 28a settimana di gestazione, si consiglia di adottare le normali precauzioni sull'assunzione di farmaci in gravidanza. Specialmente durante il primo trimestre non e' consigliata l'assunzione di ambroxolo. Il farmaco viene escreto nel latte materno, pertanto l'impiego di ambroxolo non e' consigliato durante l'allattamento.